fbpx

Quando il Copyright Act fu emanato per la prima volta negli Stati Uniti, la durata del copyright era di soli 14 anni. Oggi la durata del diritto d'autore può durare in alcuni casi oltre un secolo. Perché un cambiamento così drastico? Alcuni dicono che sia tutto dovuto a un simpatico topolino di nome Topolino.

La durata del copyright ha subito alcune modifiche nei 125 anni prima di Topolino. Nel Copyright Act del 1790, il termine di 14 anni era rinnovabile per un ulteriore periodo di 14 anni, se l'autore era in vita alla fine dei primi 14 anni. E si applicava solo a mappe, grafici e libri. Sono stati inoltre richiesti la registrazione e l'uso di un avviso di copyright. Se non soddisfacevi questi requisiti, l'opera diventava immediatamente di pubblico dominio. Nel 1831 fu cambiato in 28 anni con un rinnovo di 14 anni e nel 1909 la durata del copyright divenne 28 anni con un rinnovo di 28 anni. Pochissime opere hanno effettivamente mantenuto quelle durate del copyright poiché solo una piccola percentuale di persone si è persino preoccupata di registrare i diritti d'autore in primo luogo, e di quelli che lo hanno fatto, solo una piccola frazione li ha rinnovati.

La Disney ha tempo fino al 2023 per capire come estendere ancora una volta quella data.

Entra Battello a vapore Willy, il primo cartone animato di Topolino e il primo cortometraggio animato di Walt Disney nel 1928. In base allo schema del diritto d'autore del 1909, il personaggio di Topolino godeva della protezione del diritto d'autore per 56 anni (con il rinnovo), con scadenza nel 1984. Con l'imminente perdita del diritto d'autore su è la mascotte, si dice che la Disney abbia iniziato una seria pressione di lobbying per modifiche al Copyright Act.

Topolino e Copyright

Nel 1976, il Congresso autorizzò un'importante revisione del sistema del copyright assicurando una protezione estesa a Disney. Invece del massimo di 56 anni con estensioni, ai singoli autori è stata concessa una protezione per la loro vita più altri 50 anni (che era la norma in Europa). Per le opere realizzate da società, la legislazione del 1976 concedeva anche una proroga retroattiva per le opere pubblicate prima dell'entrata in vigore del nuovo sistema. Il termine massimo per le opere già pubblicate è stato allungato da 56 anni a 75 anni, spingendo la protezione di Topolino al 2003. Qualsiasi cosa pubblicata nel 1922 o prima era di dominio pubblico. Tutto ciò che segue potrebbe essere ancora protetto da copyright.

Con solo 5 anni rimasti al termine del copyright di Topolino, il Congresso ha cambiato di nuovo la durata con il Sonny Bono Copyright Term Extension Act del 1998.  Questa legislazione estende i diritti d'autore per le opere create a partire dal 1 gennaio 1978, a "vita dell'autore più 70 anni" ed estende i diritti d'autore per le opere aziendali a 95 anni dall'anno della prima pubblicazione, o 120 anni dall'anno di creazione , a seconda di quale scade per primo. Ciò ha spinto la protezione del copyright di Topolino fino al 2023.

Il grafico sopra illustra la "Curva di Topolino", che mostra come la durata del copyright è cambiata ogni volta che Topolino sta per scadere.

Non tutti sono stati contenti di questi cambiamenti a causa della nostra incapacità di utilizzare il vecchio lavoro per creare nuove opere artistiche. Un autore ha notato che siamo “la prima generazione a negare a noi stessi la nostra cultura" da "nessuna opera creata durante la tua vita, senza un'azione cosciente da parte del suo creatore, sarà disponibile per te su cui costruire. "

La Disney ha tempo fino al 2023 per capire come estendere ancora una volta quella data. Tra 5 anni o giù di lì, possiamo probabilmente aspettarci di vedere ancora una volta storie sulle modifiche proposte alla durata del copyright. È improbabile che un'azienda forte come la Disney si sieda e consenta a Steamboat Willie di entrare nel Public Domain.

Cosa faresti con Topolino di Steamboat Willie se diventasse di pubblico dominio? Pubblica le tue idee nella sezione commenti qui sotto.

 
Steve Schlackman
Steve Schlackman

Come fotografo e avvocato in brevetti con un background nel marketing, Steve ha una prospettiva unica su arte, legge e affari. Attualmente ricopre il ruolo di Chief Product Officer presso Artrepreneur. Puoi trovare le sue fotografie su artrepreneur.com o attraverso la Fremin Gallery di New York.

Contattaci

Indirizzo: Programmi di sussidio 1145 17th Street NW
Telefono: 888-557-4450
E-mail: [email protected]
Assistenza: EngoTheme

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti.